domenica 24 maggio 2009

Ma dov'è la differenza?

È un po' di sere che vedo passare sotto casa mia (ma suppongo ce ne siano svariati anche in giro per il centro storico) gruppetti schiamazzanti a bordo degli ormai onnipresenti risciò elettrici.
Tipo questi:


...fin qui nulla di male, se non fosse che dando un'occhiata agli occupanti delle suddette vetture, non posso non notare che è tutta gente adulta! Per cui -suppongo- tutta gente nella stragrande maggioranza dei casi dotata di patente di guida. Cioè gente che ha già preso in mano e condotto con periza, un veicolo motorizzato su ruote.
E allora perché TUTTI QUANTI alla guida di quei cosi regrediscono di trent'anni?
Li vedo passare emettendo urla belluine, chiamandosi a gran voce da una macchinina all'altra, richiamandosi a vicenda l'attenzione quando devono fare qualcosa di "azzardato", tipo sbandare o fare una curva stretta, il tutto condito dai gridolini isterici ("noooo, daaiiii, aaaaahhh, hihihihihihiiii!!!") delle passeggere donne che invariabilmente hanno a carico.
Il tutto su strade tragicamente dritte e pianeggianti, alla velocità di 15 Km/h.
(Torno a ricordare che non sto parlando di dune buggies che si inerpicano veloci su altissime dune, coi loro motori da 180 cavalli!)
Non riesco a non pensare che quelle persone, per venire in centro, hanno probabilmente guidato un'automobile. Con tranquillità e senso di responsabilità.
Poi sono montate su uno di quei trabiccoli e hanno cominciato ad esprimersi con suoni gutturali e a muoversi scompostamente.
Alla fine del loro giretto risaliranno sulle loro potenti macchine (capaci di andare a dieci volte la velocità di quei cazzetti elettrici) per tornare a casa, e presumibilmente ritorneranno persone assennate, che guideranno stando dalla parte giusta della carreggiata, evitando manovre improvvise, e esprimendosi in maniera intelleggibile fra di loro.
Come mai sto cambiamento repentino di personalità nel passaggio da un veicolo all'altro? Li drogano? A sto punto proverò anche io, prima o poi, perché da come li vedo comportarsi mi sta venendo il sospetto che mi stia perdendo "the time of my life"!

6 commenti:

Pietro ha detto...

c'è sempre un bambino dentro di noi, ricordatelo, e che ogni tanto bisognerebbe buttarlo con tutta l'acqua sporca...

Alessandro Arcuri ha detto...

Mah, guarda, circa la bambinitudine innata già ne parlai qui, a suo tempo...

Andrew ha detto...

beh, concordo con pietro
buon inizio settimana alessandro

Giangidoe ha detto...

Io questi risciò elettrici non li ho mai visti, nella capitale.
Qui del resto è pieno di quadricicli a motore (che qui in gergo chiamano "macchinette"), pieni di sbarbatelli audaci che imperversano per strade trafficatissime e senza patente.
Il che è anche un pò inquietante...

Alessandro Arcuri ha detto...

Intendi i "Quad"? I veicoli più stronzi dell'universo?

Rouge ha detto...

Io lo vado dicendo da un bel po': siamo in presenza di una nuova razza di dementi che sta prendendo il posto del sapiens!
Non c'è scampo all'involuzione.