lunedì 19 ottobre 2009

Si fa quel che si può

Ho saputo solo ieri (quindi domenica, quindi negozi chiusi) dell'iniziativa di portare tutti i calzini turchesi, in segno di solitarietà a Raimondo Mesiano, dopo l'infame servizietto dei cagnolini ammaestrati di Maiale5. Non sono riuscito a procurarmene un paio, per cui mi arrangio come posso:


Ecco.

9 commenti:

la Volpe ha detto...

a me sta iniziativa sembra una stronzata in perfetto stile altre stronzate di Repubblica tipo le foto delle tipe contro le affermazioni vs Bindi, o quell'altra pagliacciata "siamo tutti farabutti"... boh!

Alessandro Arcuri ha detto...

L'iniziativa non serve a un cazzo, è vero, ma il messaggio da dare a quei porci vorrei che passasse. "Non potete fare le peggio porcate e sperare che la gente non se ne accorga".
È solo un segnale, ecco.
Poi certo, altre iniziative sono sicuramente più efficaci, tipo fare causa a Maiale5, ma quello non possiamo farlo certo noi...

Bruno ha detto...

l'avevo letto su Il Fatto ma non ne ho di colore turchese....tanti altri colori strani...devo provvedere

Alessandro Arcuri ha detto...

Mio padre suggeriva anche di recarsi al lavoro fumando nervosamente e passeggiando in su e in giù...

Chica ha detto...

metto i calzini turchesi ma sia chiaro...dal barbiere non ci vado!!!!!!!!

Alessandro Arcuri ha detto...

Basta che ci passeggi nervosamente davanti... (fumando)

Chica ha detto...

..io passeggio sempre avanti e indietro nervosamente fumando!!!..oddio!!!! che essere stravagante che sono..e i miei calzini, a volte , sono anche a rombi multicolori!!

Alberto ha detto...

Non serve a un cazzo lo so, ma son due giorni che indosso calzini turchesi.

Susanna ha detto...

A trovarli....

gatta susanna