martedì 1 dicembre 2009

Domande del cazzo

Chi sono io per mettere in dubbio la bontà di certe epocali invenzioni?
Certo che però sapere che in commercio esistono goldoni graduati per misurarsi l'uccello fa vacillare non poco certe mie convinzioni.
There you go:




Primo: perché?
A che serve sfoggiare le proprie misure certificate? Tralasciando l'antico adagio del "non è importante..." eccetera eccetera (non fatemi citare per l'ennesima volta Luttazzi, su) fidatevi che la bontà -o meno- di certe misure la leggete sul volto della/del vostra/o partner, al momento del dunque!

Secondo: ancora, perché?
Leggo nell'articoletto esplicativo: "L’inchiostro utilizzato per il righello non contiene alcun ingrediente che possa causare reazioni allergiche". Il problema non è l'inchiostro... è quello che c'è scritto. O meglio quello che magari uno non vorrebbe leggere. E le reazioni non sarebbero quindi allergiche. Sarebbero isteriche.

Terzo: ariperché?
Ricordiamoci che di sistemi di misurazione della lunghezza ce ne sono due. Metrico e Inglese. Mettiamo che per un errore di spedizione arrivino in Italia quelli destinati agli Stati Uniti... uno nella fretta di piazzarsi sotto le coperte e dare inizio alle danze non sta certo a notare i dettagli tipo la scritta "inches" invece di "centimeters", no? Per cui si infila il coso convinto di leggere -faccio per dire- un corroborante "16" e invece legge poco più di sei!
La scena immediatamente successiva è un poveraccio in iperventilazione e una poveraccia che invece di passare la serata come si era immaginata sta lì a consolare il relitto coi pantesamenti...

Di sicuro, però, come metodo contraccettivo sarebbe efficacissimo, di questo gliene do' atto!



--AGGIORNAMENTO--
Grazie a Punzy direi che si può aggiungere un ipotetico quarto perché, da porsi dopo l'eventuale primo utilizzo di questo indispensabile prodotto. Come tutti sappiamo, il nostro vecchio compagno di battaglia, una volta raggiunte le definitive dimensioni concessegli dallo sviluppo puberale, non è che abbia più molto margine di manovra... quello è e quello rimane; per cui a uno a che cazzo gli serve avere pacchi di goldoni graduati che tanto misureranno sempre la stessa identica lunghezza???

11 commenti:

Chica ha detto...

ahahahahahahahhah!!!!...ma dove le piglie ste pubblicità??? stamane la palla maggica...ora questo....però...davvero questo metterebbe una tristezza!!!!!

la Volpe ha detto...

beh, giusto per curiosità, perché no?

ricordo le discussioni al liceo sulla necessità di utilizzare uno strumento che potesse contemplare la differente curvatura

un mio amico che faceva il tecnico suggeriva di usare un calibro

http://it.wikipedia.org/wiki/Calibro#Calibro_a_cavaliere

Punzy ha detto...

ha ha ha ma quanto costa? e poi che ci fai, lo misuri a tuti i tuoi amici per ammortizzare???

Susanna ha detto...

Della serie: mai più senza!

gatta susanna

Arcureo ha detto...

Porca vacca, Punzy ha ragione! L'uccello di ciascuno di noi, misurato una volta, non è che poi cambia...! Bisogna che aggiunga anche questa annosa domanda!

Bruno ha detto...

ahahahaha..fantastico ...pero' è comodo dai..... non ci si mette piu' con la scuadretta :-)....e poi durante le gare da dove si parte? da sopra o da sotto?..ehh behhh CAMBIA EH.........

Danx ha detto...

Anche 16 sarebbe poco ahah

Arcureo ha detto...

Però dici "sarebbe", non "è"... ;-)

giudaballerino ha detto...

ahahha, e poi uno dice che i grandi scienziati non si impegnano per migliorare questo nostro pianeta :D

Calzino genuino ha detto...

Oddioooooo!!! Non vorrei essere un uomo, giuro!!

Giangidoe ha detto...

Beh, riguardo in quarto punto, posso ipotizzare che la confezione da 12 sia ad uso e consumo (e misura) soprattutto dei fanatici autocelebrativi che vogliano "dimostrare" a più partner - occasionali - la veridicità delle leggende metropolitane sul proprio conto.
Lo so: è una logica del cazzo anche questa, ma tant'è...