giovedì 3 giugno 2010

Chi, io??!

Mi sento VAGAMENTE preso in causa da questo articolo...


...ma proprio un filino, eh!!! Ma del resto, come dico spesso, il fumante estratto di alcaloide è un impareggiabile cerottino per l'animo. Io a casa ho tre diversi tipi di caffettiera,  ognuna che produce un diverso tipo di caffè per differenti occasioni e diverse situazioni.
  • Moka normale -  per un rapido caffettino anche con gli amici, magari...
  • Caffettiera americana - per un beverone da meditazione, da sorseggiare per esempio quando studio
  • Caffettiera napoletana - quando proprio nun me ne pò fregà dde meno di che ore sono, di quanto tempo ci vuole a farselo e quanto tempo a berselo! È il caffè da relax totale!
(Ovviamente lo zucchero manco so cosa sia, a parte nello shakerato, giacché contribuisce alla schiuma! E anche per lo shakerato ho una mia personalissima pozione...)

17 commenti:

Calzino ha detto...

che razza di sfigata sono, io, che bevo solo orzo?! la caffeina mi fa partire le palpiazioni come se stessi per schiantarmi in volo :(

Arcureo ha detto...

Le palpiazioni sarebbe che tu cominci a tocchignarti tutta? No spiegami, è interessante sto effetto che ti fa il caffè, me lo devo segnare... :-P ^_^

Ellys...o meglio Martina ha detto...

Io non bevo caffè...non mi piace proprio il sapore, ma questo, alle tue orecchie, può sembrare un'eresia...credo...

Punzy ha detto...

io bevo caffe a iosa, me lo inietto direttamente in vena..

Calzino ha detto...

esatto... le palpi-azioni :)
(abbiamo perso una T per strada, se la rovi Arc, dì qualcosa).

paola ha detto...

Parliamo anche della dipendenza da cioccolato? A volte mi immagino in una riunione tipo alcolisti a fare outing.
Anche al caffè non si rnuncia, per me il top è con la cremina fatta con lo zucchero e il primo caffè che esce. Ottimo anche corretto con grappa in questa versione ... se lo si zucchera! Anzi, andrei a farmene uno ... o resisto ancora un po'?

Arcureo ha detto...

Paola, anche io facevo la cremina con lo zucchero, quando zuccheravo il caffè, ma poi una volta che lo gusti amaro non torni più indietro.
Circa la grappa anche io la uso spesso, ma più che per correggere il caffè la uso per fare il cosiddetto "rasentìn", dopo.
(Cioè versando la graspa nella tazzina con giusto un fondino di caffè rimasto dopo che hai finito di sorbirlo)

paola ha detto...

così dici che l'apprezzare il caffè amaro porta ad un processo irreversibile di eliminazione dello zucchero? Magari un giorno provo.
Il "rasentin" si usa anche dalla mie parti, non mi viene in mente il nome tecnico al momento ma penso sia simile!

Arcureo ha detto...

Ocio... non sognarti di provare ad eliminare lo zucchero partendo da caffè scrausi... fallo con un caffè che sai essere molto buono (non so, un bar dove lo fanno bene... o a casa tua, ecco)
Ricordo che una volta provai una graduale riduzione dello zucchero usando il caffè delle macchinette automatiche all'università.
Mission impossible, cazzo.

paola ha detto...

con le macchinette io passo direttamente al capciocc o moccaccino che dir si voglia, anche vista la propensione per l'elemento "ciocc"!
Dalle mie parti l'etimo è simile: "resentin" solo una vocale di differenza, d'altra parte sono abbastanza limitrofa.
Ma niente resentin nel caffè postprandiale che già così ... zzzzzzzzzzzzzz

cumino ha detto...

Anch'io ho qualche problemino di dipendenza col caffè, ma dopo che ho smesso di fumare, mi sono rassegnata a dipendere da diverse sostanze alternative. :)

SCIUSCIA ha detto...

La descrizione dei sintomi mi torna.

ventopiumoso ha detto...

beveroneee??? noooooooooo!!!!!!!!!!!!!

cmq piace molto, ma non aiuta la gastrite o la colite o altre amenita'.

ok, posso andare a farmene un altro? :)

sospesanelviola ha detto...

a me il caffè non fa nessun effetto!oggi per esempio l'ho bevuto, ma sono andata tranquillamente a letto...non riesco a capirne il motivo, eppure ci sono volte in cui se non lo bevo non riesco a tener gli occhi aperti...
in ogni modo il gusto caffè a me non piace l'ho bevo solo per necessità illudendomi che possa farmi anche un minimo effetto, ecco perchè oltre i due caffè non vado...e cmq preferisco di gran lunga la moka normale!

la Volpe ha detto...

non bevo caffè

e mentre venivo qui ho trovato tre T per strada

(dio quanto sono NOIOSO! mi annoio da solo a rileggermi prima di pubblicare)

syl ha detto...

Sapevo che non avrei dovuto leggere i commenti a questo post.

Eccomi, dieci e quaranta in pippa appena tornata da una corsa, il bagno è OVVIAMENTE occupato da un coinquilino che non paga l'affitto. Io sono fradicia e non ho sonno, ma sono certa che mi verrà domani mattina appena varcherò la soglia dell'ufficio.
Fa caldo e silenzio. Salvo l'acqua della doccia di un altro che scorre.

...Ok.
Mi faccio una moka da tre.

(verifica parola "Tomen", ovvero (per i veneti) "signore tome, amen". La verità è che no, gnaa posso fa'. Unica consolazione il (coffee) )

luly ha detto...

Approdo qui per caso (amici blogger comuni) ed il fatto che tu, in pochi minuti, sia riuscito a farmi sorridere...mi è piaciuto:O)
Da napoletana D.O.C. io bevo soltanto l'ultimo tipo di caffè....quello del totale relax...anche se sono incazzata nera come una belva!
Piacere di conoscerti, Arcureo.